La mia metà jazzistica

\thanks

Io che suono con Paolo Fresu
Con Paolo Fresu a Corinaldo (in jam session, a scanso di equivoci). Grazie ad Andrea Venturi per la foto.
Nonostante quel che potrebbe sembrare dalla foto qui accanto, non è che io sia poi un grandissimo che come bassista. Me la cavicchio, via.
Tuttavia, spesso ho la fortuna di poter suonare con gente brava veramente, che mi stimola e mi insegna e che ringrazio per questo. Fra questi, (in ordine alfabetico) Carlo Atti, Roberto Bachi, Carlo Battisti, Giovanni Ceccarelli, Isa Celentano, Andrea Conti, Andrea Dondi (che , a mio modesto avviso, un esempio di artista completo, e lo invidio abbastanza per i suoi molti talenti), i fratelli Dall'Omo (Sandro, Daniele e Max), Davide Fortunati, Samuele Garofoli, Tom Kirkpatrick, Simone La Maida, Mauro Mancini, Massimo Manzi, Danilo Memoli, Nico Menci, Massimo Morganti, Luca Pecchia, Marco Postacchini, Matteo Raggi, Franco "Oviz" Vecchiè, Emiliano Vernizzi e - naturalmente - Lesley Vowden. Un grazie particolare a Mike Melillo e Jack Walrath. Fra le mie influenze, mi piace anche menzionare il grande Gabriele Pesaresi e Giordano Pietroni perché sono amici, anche se non abbiamo mai suonato assieme per ovvi motivi strumentali.

Volete sentire qualcosa?

Questi sono due brani registrati in trio con Sandro dall'Omo al piano e Max dall'Omo alla batteria a Rieti nell'estate '98. I titoli sono lievemente cambiati in stile vecchio Aebersold perché - mi dicono - potrebbero rompermi i coglioni con la storia dei diritti. I file sono in formato mp3

Pent-Up Mouse (2.1 Mb)

Have You Met Miss Bones? (2.2 Mb)

Il Lesley Vowden Trio

Oltre che suonare con chi mi chiama quando mi chiama, ho un progetto stabile con la cantante Lesley Vowden (per motivi piuttosto ovvi).

Di solito suoniamo senza batteria, con uno strumento armonico, piano o chitarra, solitamente con Roberto Bachi, Sandro Dall'Omo o Luca Pecchia.

Il repertorio è basato sugli standard americani, e quindi gran Gershwin, Rodgers&Hart, Irving Berlin, Cole Porter, Van Heusen e compagnia bella.

Se volete sentire qualcosa...

It Had To Be Ewe (Sandro al piano, 1.8 Mb)

A Beautiful Friend Ship (Roberto al piano, 4.8 Mb)

Let Us Do It (Luca alla chitarra, 5.5 Mb)

L'Infrared Quartet

Una volta avevo un progetto, che si chiamava Infrared Quartet, con Enzo Cesari alla Batteria (anzi, l'idea era stata sua), Max Morganti al trombone e Teo Raggi al tenore. Il quartetto s'è sfasciato. Peccato, perché mi divertivo molto. Succede.

Questa l'abbiamo suonata a Pesaro, alla festa nazionale dell'Unità, nel 2006; o forse a Corinaldo, al festival 2007; boh.

I don't mean anyone else (in formato Ogg Vorbis)


Ritorna alla home page